Quando dicono basta è basta

Esistono quelli che quando dicono “basta” è basta.
Quelli che troncano senza pietà.
Domani smetto di fumare. E smettono. Capacissimi di tenere l’ultimo pacchetto in casa, ma non toccano più una sigaretta.
Quelli che si lasciano e cancellano ogni traccia, ogni presenza possibile futura. Non ogni ricordo, i ricordi restano, ma cancellano la possibilità di reiterazione.
Tengono il pacchetto di sigarette, insomma, ma non fumano più.
Ma come fa, questa gente?
Io… io penso a lui… sempre.
È passato così tanto tempo che mi imbarazza persino pensare quanto, pensare un numero.
Poi ho fatto altre cose, avuto altre storie, fatto figli sposata separata divorziata divertita intristita incazzata una miriade di situazioni ecco. Come tutti, diamine.
Ma la persona che ero con lui non tornerà più, e questa cosa mi terrorizza, mi fa andare in apnea, in aritmia.
Non è un pensiero terrifico?
Che quando qualcosa finisce si porta via una parte della nostra essenza?
Boh.
Io ne sono terrorizzata. Terrorizzata.
I fricchettoni dicono che la vita è un viaggio.
Qualcuno si è sbagliato e mi sta facendo camminare con un fottuto zaino da duecento chili sulle spalle, allora.
Altro che non reiterare.
Voglio tornare là, con lui, voglio essere la persona che ero, voglio tornare a fumare, voglio la mia droga catramosa e mortifera. Ecco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...