Non si ammala spesso

Non si ammala spesso, ma quando succede non bada a spese in quanto a effetti speciali.
Fazzoletti ovunque, medicinali impilati sul comodino in precari cumuli chimici, febbre alta e voce ai minimi storici.
Tutto quello, insomma, che nessuno vorrebbe per casa.
Eppure lui arriva.
Succhi di frutta gelato riviste cioccolato pane croccante mortadella coperte e te e tisane e medicinali nuovi di zecca.
– Vattene, pazzo! Ti infetterai!
– Non vado da nessuna parte.
E con metodo comincia a mettere in ordine le cose acquistate, spegne qualche luce, si mette ai fornelli e si slaccia la cravatta con movimenti molli e lenti, rilassati.
Pastina in brodo con tanto formaggio.
Si è ricordato del suo piatto preferito.
Poi si mette al suo fianco (“Insomma vuoi proprio beccarti il morbo anche tu!”) e legge a voce alta per lei.
– Prima di morire, volevo dirti che ti amo… Non l’ho mai detto a nessuno ma nessuno mi aveva mai fatto la pastina in br… brodo a parte la mia mamma. Quin… Quindi visto che non sei la mia mamma devi essere molto molto buono… Grazie…
È un biascichio febbricitante e inintelligibile, e lui ride piano guardandola scivolare finalmente nel sonno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...