Candele

Candele, tante candele.
Per un attimo teme di essere entrata in casa d’altri, di aver fatto una figura di merda atroce, che qualcuno chiamerà i carabinieri, che sarà costretta a spiegare perché è riuscita a penetrare in casa altrui con le sue chiavi di casa. Pensieri da un millisecondo, quelli che nemmeno si fanno davvero, pensieri non pensieri, immagini volatili, idee.
Comunque cerca un punto d’appoggio, qualcosa che le dica “sì, è casa tua”.
Vediamo… vediamo…. Ecco! Dio mio, ecco.
Il bellissimo mappamondo antico che le ha regalato suo padre. Eccolo. Può essere solo casa sua. Quel mappamondo è un pezzo da collezione pregiatissimo, non può averlo quasi nessun altro, figuriamoci il suo anziano vicino di casa.
Sbatte gli occhi abbacinata da quella luce gialla, da quel profumo inconfondibile di cera e di… cibo. Cibo buono. Non il suo, non il toast che si prepara lei ogni sera quando rincasa. E’ cibo vero, quello. C’è profumo di arrosto, di patate, di rosmarino, di inverno, di caldo, di famiglia.
Annusa e si accorge di avere ancora la porta aperta. Sobbalza e la chiude senza fare troppo rumore.
Appoggia il cappotto sulla poltrona facendo attenzione a non colpire nessuna candela. Se bruciasse il cappotto… va be’, meglio non pensarci.
– Bentornata.
– Cazzo! Da dove sei spuntato?
– Dalla cucina, sto cucinando e sono unto dalla testa ai piedi – e dicendolo, le appoggia un bacio sulla fronte.
– Cosa succede? Chi ti ha dato le chiavi di…
– Zerbino.
– Cosa?
– Sotto lo zerbino. E’ un classico.
– Si chiama effrazione. Cosa sono tutte queste… candele?
– Luce, sono luce. Tempo fa mi hai detto che odi il buio. Che odi tornare a casa e trovare il buio nell’appartamento. Che il buio ti mette angoscia. E allora… be’… ho pensato…
– Di fare luce.
– Sì, di fare luce.
Si guarda intorno. Si guarda intorno e vede luce. Tutte quelle candele. Tutti quei potenziali incendi, anche!
Sorride tra sé per il pensiero poco romantico.
Torna a concentrarsi sulla luce, sull’odore di cera, sul pensiero di lui che accende quelle decine di candele.
Sorride ancora.

Annunci

2 thoughts on “Candele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...